CLAUDIA SCATTOLINI FRAGRANCE DESIGNER

WILD FIG EXTRAIT DE PARFUM

SOFFIO D’ESTATE

WILD FIG SOFFIO D’ESTATE.

Albero e frutto sacro, il Fico è l’emblema della vita, della luce, della forza e della conoscenza. Nell’antica Grecia, era l’albero sacro ad Athena, dea della saggezza e a Dioniso dio del vino. Platone ritiene questo albero amico dei filosofi.

Nella tradizione antica il Fico riveste quindi un significato di immortalità e di abbondanza. Esso rappresenta anche l’asse del mondo che collega la terra al cielo.

Come simbolo dell’abbondanza è legato alla fecondità.

Con i suoi colori sgargianti ci trasmette energia e vitalità. Per non parlare del suo inebriante profumo e del gusto. 

Il latte che fuoriesce dalle foglie, la buccia vellutata e la polpa, ricca e profumatissima, dolce e invitante. L’immagine di questo frutto è per me questa: il fico che cresceva sulle Rive del lago di Garda, dove sono nata e che mi ha ispirato per la creazione dell’Extrait de Parfum Wild Fig, una fragranza sofisticata che invita all’assaggio.

WILD FIG EXTRAIT DE PARFUM. NARRAZIONE POETICA.

WILD FIG Extrait de Parfum è seducente e volitivo. Dalla scia conturbante crea immediatamente un alone di mistero. 

La sua composizione olfattiva dalle sfumature vellutate e cremose è creata da un accordo tra foglie  e frutti.

Impreziosito dalla verve pungente del dragoncello che valorizza e arricchisce il cuore fiorito di gelsomino ed acacia.

 L’epilogo è una sorpresa emozionale che esplode grazie alle note conturbanti di legni pregiati e ambra che avvolgono la composizione olfattiva mettendone in risalto ogni parte della piramide. Un connubio armonioso tra bellezza, natura e mistero.

Utilizzando il percorso del Layering le sue note voluttuose si abbinano suadenti all’Extrait de Parfum Vanilla che ne enfatizza la parte dolce e inebriante, oppure con l’ Extrait de Parfum Marine che ne sottolinea il profilo salmastro, o ancora con l’Extrait de Parfum Agrums per accentuarne brio e freschezza.

WILD FIG è ipnotico, mistico e vibrante da assaporare con tutti i sensi.  

L’ARTE DELLA STRATIFICAZIONE PER OTTENERE UN NUOVO PROFUMO.

Attraverso la stratificazione possiamo personalizzare il  nostro Extrait de Parfum Wild Fig e dargli una sfaccettatura differente.

 

 

“L’odore ti dice senza sbagli quel che ti serve di sapere, non ci sono parole né notizie più precise di quelle che riceve il naso”, scriveva Italo Calvino nella raccolta di racconti Sotto il sole giaguaro.

Niente di più veritiero e perfettamente allineato al concetto di olfatto: un senso capace di riportare dal passato rumori, emozioni, ricordi e odori già uditi e respirati un tempo.

Come quelli appartenuti ad un viaggio per esempio.

I PROFUMI CI PORTANO IN GIRO PER IL MONDO.

I profumi, ispirati a ricordi e suggestioni personali, hanno la capacità di parlare un linguaggio universale, imprigionando un momento che rivive ad ogni spruzzo. E’ durante l’estate che con più intensità si sprigionano le note di profumi che seducono i sensi. Fruttati, dolci, ozonici, mediterranei.

Attraverso il layering si può scoprire ogni giorno una prospettiva diversa nell’indossare un profumo. Il Layering è una sorta di contaminazione olfattiva che richiede istinto e stile. 

LAYERING EXTRAIT DE PARFUM WILD FIG + VANILLA O MARINE

Utilizzando per esempio il percorso del Layering con Wild Fig Extrait de Parfum e Vanilla Extrait de Parfum. Le note voluttuose di Wild Fig si abbinano suadenti alla piacevolezza delicata del Vanilla che ne enfatizza la parte dolce e inebriante.

E perché non provare Wild Fig con Marine? Per sperimentare un profondo senso di libertà dato dalle note ozonate e dal boisé marino che evoca la macchia mediterranea ed il profumo salmastro del mare. 

Consiglio: scegli una fragranza da spruzzare sul décolleté, poi una che enfatizzi la  sfaccettatura che vorresti come una vaniglia per regalare dolcezza. Si può spruzzare sui polsi o dietro la nuca per farlo sentire ad ogni gesto oppure su décolleté se si desidera che la fragranza arrivi di continuo. Avremo così un effetto personalizzato, sentiremo il nostro profumo che sale e ad ogni gesto coglieremo la sfumatura.

Vi è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *